Forum Sigma Primo
Benvenuto sul Forum del Gruppo Sigma Primo!
Che aspetti?! Unisciti a noi!!!

Una triste veritá...

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Una triste veritá...

Messaggio Da portospeed il Ven Nov 26, 2010 7:00 pm

...ma nessuno fa niente.
Ecco l'impero affaristico del boss del Pdl campano, oggi composto da Aversana gas, Aversana Petroli, Ip service, Immobiliare 6 C e Agripoint. Sul decreto del governo sono attive le manine camorriste: discariche e termovalorizzatori sono affari miliardari
di ALBERTO STATERA
CASAL DI PRINCIPE - Passi il checkpoint Charlie, che non è sulla berlinese Friedrichstrasse, ma è qui sulla cosiddetta via americana del casertano, e ti trovi finalmente a Cosentino-City dopo aver costeggiato, tra Succivo e Gricignano d'Aversa, la U. S. Navy Support City, dove stazionano i marines. Eccolo, sotto un cielo plumbeo di pioggia e di miasmi, il cuore, o meglio la testa, dei rifiuti napoletani, padani e forse europei, dove il percolato fu trasformato in oro, le discariche in business miliardari, gli orti di carciofi, finocchi e cavolfiori, i frutteti e le vigne, in un'anticamera dell'inferno.

Quasi tutto questo, dicono le inchieste, avvenne ad opera di Nicola Cosentino, detto Nick 'o americano, ex sottosegretario all'Economia tuttora supremo coordinatore berlusconiano in Campania e inventore del modulo aureo terra-rifiuti-soldi-politica-potere.

Quando gli americani sbarcarono qui, trovarono abilissimo a trafficare non Nicola, nato nel 1959, ma suo padre Silvio, detto 'o americano, che con gli alleati e i traffici di tutti i tipi del dopoguerra nella patria dell'arrangiarsi, s'intese con loro alla grande. Furono i socialdemocratici ai tempi di Saragat, quando i finanziamenti americani transitanti per Giulio Andreotti passavano pro quota al partito più filoamericano d'Italia, che lanciarono negli affari e in politica la dinastia dei Cosentino, oggi capace di condizionare le sorti del governo Berlusconi. Altro che Mara Carfagna e Italo Bocchino, sodali politici. Le chiavi del vero potere bisogna venire a cercarle qui nell'umido autunno partenopeo, dove un imprenditore in odore di affari e di camorra può condizionare con le sue manine romane i decreti decisi in Consiglio dei ministri, come quello sui rifiuti campani che il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha dovuto dichiarare di non aver mai visto, dopo che per alcuni giorni il testo fu bloccato in una copertina lasciata per giorni interi alla decisiva delibazione dei plenipotenziari locali delle cosche camorriste.

Per capire dove nasce l'economia del percolato e delle discariche a cielo aperto occorre seguire per pochi chilometri dalle periferie napoletane coperte di sacchetti immondi e purulenti, l'autostrada Roma-Napoli, fino a questo paesone di 21 mila abitanti che sembra un serpente senza testa. Un checkpoint di guerra. Entri nel territorio comunale e t'imbatti in un posto di blocco di polizia ed esercito munito di blindato. Dicono che si tratta del cosiddetto modello-Caserta del ministro dell'Interno Bobo Maroni: polizia più esercito coadiuvanti in funzione deterrrente. Le truppe maroniane, stancamente, controllano qualche trasportatore di latte o mozzarelle e lasciano sfrecciare nugoli di Porsche 911 che si avventano sicure nel degrado di centinaia di scheletri di cemento armato. Del resto i casalesi, oltre la camorra, hanno l'oscar del calcestruzzo, i muratori di qui vanno a lavorare, richiestissimi, in ogni parte d'Italia. Qui, case costruite senza alcuna regola e mai terminate, forse sequestrate a capetti camorristi, avvolte in una calda coperta di munnezza organica e disorganica. Un cimitero che non ha forse l'eguale neanche nell'Africa del nord, fatto di plastica, di odori che ti prendono quasi materiali, di cadaveri animali, compresi cani morti da trenta chili, che giacciono a sfaldarsi sotto la pioggia in un turbinio di zoccole festanti, nel senso proprio del termine, non in quello che le gentili lady della Casa delle libertà hanno tradotto negli ultimi giorni, rivolgendoselo, con il sinonimo campano di vajassa, che se si declina in vajassona e che si traduce in troiona. A cotè, nell'ingresso alla Cosentino-City, a guardia di improbabili rotonde per regolare il traffico di Porsche camorriste e di trasporti di latte e mozzarelle di bufale cresciute su terreni che la regione ha recintato perché intrise di rifiuti tossici, un crescendo di santità.

Santi e martiri ritratti scultoreamente in dimensioni reali. Tolto Gesù, ci imbattiamo, alla seconda rotonda, nel papa tedesco Ratzinger e - non poteva mancare - in Padre Pio. Devozione dovuta. A chi si doveva rivolgere il cardinale di Napoli Crescenzio Sepe, quando doveva sistemare una paio di nipoti disoccupati? Naturalmente al satrapo di Casal di Principe, ai suoi accoliti e all'antico sodale Guido Bertolaso, l'uomo di tutte le emergenze che qui evitò rigorosamente di certificare una sola emergenza: quella rappresentata dal sistema camorrista dei rifiuti come grande affare campano e nazionale del secolo.

Lo stato maggiore dell'ex sottosegretario Nicola Cosentino, dimissionario dopo la richiesta di arresto per camorra, ma tuttora ineludibile boss campano del partito di Berlusconi che con la rivendicazione dei suoi diritti elettorali ha provocato la crisi delle vajasse animata dal ministro Mara Carfagna, ex showgirl amata dal capo, e Alessandra Mussolini, vajassa di antica nomina, è all'inizio di via Umberto primo. È proprio l'inizio di un serpentone di chilometri e chilometri, dove ha sede la sua società AP, Aversana Petroli, capofila di un gruppo ormai da centinaia di milioni di euro.

Bombole di gas, lubrificanti, simpatie dell'Eni berlusconizzata con la direzione di Paolo Scaroni, che ha ceduto centinaia di punti vendita superando agevolmente lo scoglio dell'antitrust: è qui che nidifica il business dei rifiuti. Nella putrefazione morale e non solo mondezzaia (copyright Piero Calamandrei e "La Peste", il libro di Sodano e Trocchia che giustamente cita il detto). È qui che Cosentino ha scoperto l'oro del percolato e delle discariche come veri strumenti di potere.

Correranno forse cinquecento metri tra lo stato maggiore dell'ex sottosegretario berlusconiano, dimissionario dopo aver rischiato l'arresto per camorra, e il bar dove fu trucidato da un commando camorrista Michele Orsi, imprenditore dei rifiuti che aveva dichiarato come suoi veri padroni Cosentino e l'ex leader di An Mario Landolfi. Aveva confermato il camorrista Gaetano Vassallo: "Ho agito per conto della famiglia Bidognetti quale loro referente nella società Euro 4 gestita dai fratelli Orsi. Posso dire che la società Euro 4 era controllata dall'onorevole Nicola Cosentino e anche l'onorevole Mario Landolfi vi aveva svariarti interessi".

Testimoni dicono che in un'occasione pubblica questo Cosentino esclamò: "Eco 4 song'io!". E Eco 4 significa il consorzio per la raccolta dei rifiuti controllato dalla camorra.

Tra Giggino 'o drink, Giggino a Purpetta (l'attuale presidente della provincia di Napoli Luigi Cesaro, della cordata Cosentino), Peppe 'o Padrino, confessiamo che è difficile identificare questa nuova classe dirigente campana, rispetto ai tempi pur turpi dei Gava, dei Di Donato e dei Cirino Pomicino. Questi, rispetto ai capiscuola di una repubblica fa, sono come dire?, ben oltre.

L'impero Cosentino, salvo errore o omissione, è oggi composto da Aversana Gas, Aversana Petroli, Ip Service, Immobiliare 6 C, Agripoint e chissà che altro, in un turbinio di affari opachi che qui a Cosentino-City, tra le statue del Papa germanico e di Padre Pio, confondono tutto. Salvo una sorta di una holding che sul decreto governativo rimasto incerto tra le azioni delle manine camorriste per alcuni giorni, tratta un affare miliardario di discariche e termovalorizzatori. Prima l'affare era non farli, i termovalorizzatori. Oggi può diventare un grande affare farli.

Cos'è il genio imprenditoriale se non quello di sfruttare le occasioni che periodicamente mutano? E alla cupola camorrista tutto mancherà, ma non la capacità di subodorare gli affari in fieri, come quelli delle nuove discariche e dei nuovi termovalorizzatori, centinaia di milioni di euro, che alla vecchia maniera possono essere assegnati agli amici e agli amici degli amici. Capite ora perché la crisi Carfagna, prodotto berlusconiano che minaccia di abbandonare il berlusconismo, entra come un coltello nella carne stessa del sistema di potere berlusconiano ?

Per la prima volta gli affari senza controllo che hanno segnato tre lustri di berlusconismo senza regole, appaltati alle mafie locali a onore del motto "andate e arricchitevi", incontrano all'interno stesso del moloch di potere qualche inceppo.

A Santa Lucia, il presidente della regione Stefano Caldoro, un ex socialista sul quale Cosentino preparò i dossier per distruggerlo, ci confessa: "Saviano, diciamolo, non fa che fotografare la realtà. Questa è una terra invasa per decenni dai veleni provenienti da tutta l'Italia e da mezza Europa e nessuno può negarlo. La camorra ci sta sempre, soprattutto quando l'emergenza diventa lucro, come accade sempre a Napoli e in Campania. Noi non siamo in Trentino e giorno dopo giorno dobbiamo subire la controspinta camorristica. Ci vorranno tanti anni e centinaia di milioni. Ma giuro che ce la faremo".

Mentre il giovane governatore Caldoro, figlio di un socialista di quelli che all'etica ci tenevano, ci diceva a Napoli queste parole, a Roma il sottosegretario Gianni Letta, stretto tra la Carfagna, la Mussolini e il suo padrone, trattava con Nick 'o Americano le deleghe per le operazioni antirifiuti in onore a Casal di Principe. Vince Cosentino-City.
http://www.repubblica.it/politica/2010/11/25/news/cosentino_city-9475279/

_________________


FORUM SIGMA PRIMO,UN FORUM PER GIOCATORI VERI,I BIMBOMINKIA DOVRANNO ASPETTARE.
clan delle gnocche focose smoker
Benvenuti al forum dei morti viventi



avatar
portospeed
Admin

Numero di messaggi : 12805
Punti Merito : 21003
Data d'iscrizione : 13.08.09
Età : 41
Località : Sulla poltrona col pad in mano

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Una triste veritá...

Messaggio Da portospeed il Ven Gen 28, 2011 2:51 pm

Uppo questo topic perchè alla vergogna non c'é mai fine, ma io mi domando:
Ma c'é qualcuno pulito?
Non credo!
Dal corriere della sera:
Marta Di Gennaro, ex vice di Guido Bertolaso alla Protezione civile, e il prefetto Corrado Catenacci, ex commissario ai rifiuti della Regione Campania, sono stati arrestati nell'ambito di un'operazione per reati ambientali eseguita in varie zone d'Italia dai carabinieri del Nucleo operativo ecologico (Noe) e dalla Guardia di finanza di Napoli, coordinata dalla procura della Repubblica di Napoli. Ai due è stato concesso il beneficio degli arresti domiciliari. Nella stessa operazione sono state arrestate altre dodici persone e vi sono 38 indagati, tra questi vi sono anche l' ex presidente della Campania, Antonio Bassolino, l'ex assessore regionale Luigi Nocera e l'ex capo della segreteria politica di Bassolino, Gianfranco Nappi. Le accuse sono di associazione per delinquere, truffa e reati ambientali. Sequestri di documentazione sono stati messi in atto in diverse sedi istituzionali, come la Prefettura di Napoli, la Regione Campania ma anche la Protezione civile di Roma e in sedi di aziende di rilievo nazionale.
PERCOLATO IN MARE - Secondol la procura di Napoli ci sarebbe stato un accordo illecito tra pubblici funzionari e gestori di impianti di depurazione campani che ha portato a immettere per anni sul tratto di costa tra Napoli e Caserta percolato non trattato, liquido prodotto dalle discariche di rifiuti solidi urbani. Il percolato era portato nei depuratori senza alcun trattamento e da lì finiva in mare. Per Marta Del Gennaro si tratta del secondo provvedimento cautelare, perché già coinvolta in un'inchiesta sempre in materia di rifiuti; anche Catenacci è stato già indagato nell'ambito del suo ruolo di commissario e attualmente è a capo della Sapna, società provinciale per il reciclo dei rifiuti.

_________________


FORUM SIGMA PRIMO,UN FORUM PER GIOCATORI VERI,I BIMBOMINKIA DOVRANNO ASPETTARE.
clan delle gnocche focose smoker
Benvenuti al forum dei morti viventi



avatar
portospeed
Admin

Numero di messaggi : 12805
Punti Merito : 21003
Data d'iscrizione : 13.08.09
Età : 41
Località : Sulla poltrona col pad in mano

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Una triste veritá...

Messaggio Da Satellite86 il Lun Gen 31, 2011 12:02 am

Del resto se sei una persona pulita ed onesta non riuscirai mai a fare il politico...

_________________






Il mio PC: --> Clicca qui - Foto del mio PC: --> Clicca qui

Mercatino FeedBack: --> Clicca qui - Vendo: --> Clicca qui
avatar
Satellite86
Leggenda del Forum

Numero di messaggi : 1972
Punti Merito : 2512
Data d'iscrizione : 16.08.09
Età : 31
Località : Casape (Roma)

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Una triste veritá...

Messaggio Da portospeed il Mar Feb 01, 2011 8:23 pm

Videotestimonianza:

http://video.corriere.it/fiume-piena-che-scarica-immondizia-mare-napoli/cc06fd7c-2df8-11e0-8740-00144f02aabc

_________________


FORUM SIGMA PRIMO,UN FORUM PER GIOCATORI VERI,I BIMBOMINKIA DOVRANNO ASPETTARE.
clan delle gnocche focose smoker
Benvenuti al forum dei morti viventi



avatar
portospeed
Admin

Numero di messaggi : 12805
Punti Merito : 21003
Data d'iscrizione : 13.08.09
Età : 41
Località : Sulla poltrona col pad in mano

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Una triste veritá...

Messaggio Da portospeed il Mar Giu 21, 2011 6:36 pm

Continua la vergogna e gli onesti quando vanno al potere si fa di tutto per metterli in difficoltà, nano di merda se qualcuno invia un video di quello che stanno facendo a Napoli ad Obama lui senza batter ciglio ci farà bombardare come l'Afganistan:
“La macchina della munnezza”, De Magistris
non ci sta e urla al sabotaggio Il neo-sindaco denuncia un sabotaggio nei propri confronti per far fallire il piano anti-spazzatura previsto dalla sua prima delibera di giunta. Nel mirino dell'accusa quel sistema politico-affaristico che per anni ha lucrato sul ciclo dei rifiuti. I cinque giorni promessi per ripulire Napoli stanno scadendo e la città è sommersa da oltre 2mila tonnellate di spazzatura Sabotaggio. Luigi De Magistris non usa mezzi termini per spiegare il perché Napoli sia sommersa dai rifiuti a quattro giorni dal suo proclama: “Ripuliremo la città in cinque giorni”, aveva annunciato illustrando il new-deal della città. Qualcuno ha remato contro: la “macchina della munnezza”, quella di chi in questi anni ha lucrato sull’emergenza perpetua e teme l’annunciato “voltar pagina”, ora gioca il tutto per tutto. E gioca sporco.

A cominciare dai dipendenti delle società che, in subappalto, gestiscono la raccolta in un lembo di città. Ex disoccupati, di quelli organizzati a fomentare la piazza e far crescere la protesta all’estremo. “Gente abituata a guadagnare fino a tremila euro al mese per non fare nulla” racconta chi li conosce bene: anche se cambiano le aziende, loro restano sempre al proprio posto. A fare e disfare. Come è successo l’altra notte, dove i soliti noti hanno impedito fisicamente la raccolta. Con le buone e con le cattive: indaga la Digos.

I nomi sono sempre gli stessi, i referenti politici pure: la filiera delle responsabilità è un monocolore azzurro, come il partito del Premier. Dal consigliere provinciale ex Forza Italia recentemente arrestato e sponsor di una delle cooperative attenzionate, al Presidente della Giunta Provinciale, Luigi Cesaro, che avrebbe dovuto da mesi individuare un buco dove stipare la munnezza di Napoli e non l’ha fatto. Da Nicola Cosentino fino al presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, che l’aveva giurata ai napoletani all’indomani della debacle elettorale.

Tutti sanno bene quanto il sistema sia fragile e come basti uno stuzzicadente per bloccare l’ingranaggio, tutti conoscono alla perfezione la parte assegnata in quel fetido copione. Ecco: per capire perché a ventiquattrore dalla scadenza dell’impegno preso dal Sindaco di Napoli la spazzatura in città cresce anziché diminuire, bisogna mettere insieme tutte le tessere di un puzzle già smontato e rimontato centinaia di volte. La città non è autonoma: una volta raccolti i rifiuti per strada, spetta alla Regione (a guida centrodestra, ndr) decidere dove sversarli e alla Provincia di Napoli gestire il resto. Il risultato è che gli oltre 200 mezzi di ASIA, la società del Comune che gestisce il servizio, sono colmi da giorni e non sanno dove andare a svuotare le loro pance. E la munnezza cresce per strada, dai bordi di periferia fino al centro. Il caldo fa il resto: in alcuni punti della città l’aria è irrespirabile, il cielo ammorbato da insetti di ogni specie che si moltiplicano insieme ai sacchetti.

L’ultimo bollettino parla di oltre 2.600 tonnellate sparse per le strade della città. Cifre drammatiche, destinate a crescere fino a quando il Governo non varerà il decreto che sbocca il trasferimento fuori regione dei rifiuti campani, unica soluzione con le discariche ormai intasate. La Lega, manco a dirlo, si oppone: dei rifiuti di Napoli accetta solo i lucrosi utili della gestione dell’inceneritore di Acerra. Lega di cassa e di Governo, che prende i soldi e scappa: dal caos, dalla puzza, dalle responsabilità di tre anni di immobilismo totale sul fronte rifiuti del Governo che sostiene anche in questa lenta e inesorabile agonia. Il risultato si vede e si annusa per le strade di Napoli, che oggi sono nelle stesse condizioni di tre anni fa. Pure peggiori, grazie soprattutto all’inerzia di tutti gli uomini del Presidente, che sapientemente avevano costruito a tavolino una nuova emergenza indotta da risolvere con il più classico dei miracoli salvifici berlusconiani. Qualcosa non è andato per il verso giusto, il sacchetto è esploso nelle mani di chi l’aveva preparato.

Da mesi il Presidente della Provincia di Napoli, Luigi Cesaro – l’uomo che porta mozzarelle ad Arcore dopo aver portato pizzini per conto di donna Rosetta Cutolo a metà degli anni ’80 – avrebbe dovuto individuare l’area per una nuova discarica da un milione di tonnellate. Un polmone fetido, per permettere davvero alla città di diventare autonoma dopo i vuoti proclami della B2, Berlusconi e Bertolaso. Un impegno preso, nero su bianco, a inizio anno a Palazzo Chigi ma mai mantenuto. Non solo: una delle tre linee di produzione dell’inceneritore di Acerra, gestito dai Lombardi di A2A, è fermo per manutenzione programmata. Proprio ora, quando era chiaro a tutti che in assenza di spazi in discarica a Napoli sarebbe scoppiato l’inferno. Una situazione buona per tutte le stagioni: se a Napoli avesse vinto Lettieri, Berlusconi avrebbe rivendicato un altro miracolo. Ora, lascia che la città sprofondi nei mali da lui stesso congegnati.

_________________


FORUM SIGMA PRIMO,UN FORUM PER GIOCATORI VERI,I BIMBOMINKIA DOVRANNO ASPETTARE.
clan delle gnocche focose smoker
Benvenuti al forum dei morti viventi



avatar
portospeed
Admin

Numero di messaggi : 12805
Punti Merito : 21003
Data d'iscrizione : 13.08.09
Età : 41
Località : Sulla poltrona col pad in mano

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Una triste veritá...

Messaggio Da Raf2D il Gio Giu 23, 2011 7:43 am

Satellite86 ha scritto:Del resto se sei una persona pulita ed onesta non riuscirai mai a fare il politico...
appunto. è una prerogativa della politica essere corrotti

Raf2D
Leggenda del Forum

Numero di messaggi : 3031
Punti Merito : 3456
Data d'iscrizione : 16.08.09
Località : CUBA

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Una triste veritá...

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum